Contatore visite
contatore visite
Statistiche
Abbiamo 68 membri registrati
L'ultimo utente registrato è ironxm

I nostri membri hanno inviato un totale di 487 messaggi in 233 argomenti
Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» Il mistero di Polybius
Lun Lug 16, 2012 1:29 pm Da Hapgood

» Alcune nozioni di chimica.
Sab Ott 29, 2011 12:22 pm Da Ken-Scienza

» Perché lo skateboard rimane attaccato quando si salta?
Mer Set 21, 2011 12:59 pm Da Ken-Scienza

» Il rimbalzo del suono.
Ven Ago 12, 2011 1:04 am Da Ken-Scienza

» L'effetto Doppler
Ven Ago 12, 2011 12:33 am Da Ken-Scienza

» Cosa sono le costellazioni?
Dom Lug 24, 2011 3:51 pm Da Ken-Scienza

» Cosa piangiamo?
Sab Lug 23, 2011 4:09 pm Da Ken-Scienza

» Cos'è un fluido non newtoniano?
Ven Lug 22, 2011 12:09 am Da Ken-Scienza

» Tecnotorri: i grattaceli del futuro
Gio Lug 07, 2011 1:27 pm Da Ken-Scienza

Mi Piace ScienzaOnline
Bookmarking sociale

Bookmarking sociale digg  Bookmarking sociale delicious  Bookmarking sociale reddit  Bookmarking sociale stumbleupon  Bookmarking sociale slashdot  Bookmarking sociale yahoo  Bookmarking sociale google  Bookmarking sociale blogmarks  Bookmarking sociale live      



Conserva e condividi l'indirizzo di sul tuo sito sociale bookmarking

Mi piace

Errori nelle ricerche scientifiche?

Andare in basso

Errori nelle ricerche scientifiche?

Messaggio Da Ken-Scienza il Ven Set 11, 2009 3:38 pm


Molti studi sono viziati da inesattezze statistiche e sperimentali
Secondo un’analisi apparsa sulla rivista “PLoS Medicine”, le conclusioni della maggior parte delle ricerche scientifiche pubblicate sarebbero errate. John Ioannidis, epidemiologo dell’Università di Ioannina, in Grecia,
sostiene che le piccole dimensioni dei campioni, la scarsa
progettazione dello studio, i pregiudizi dei ricercatori, gli errori
statistici e altri problemi si combinano per rendere falsi i risultati
della maggior parte delle ricerche.
Anche gli studi più grandi e meglio progettati non sono sempre
corretti: gli scienziati e il pubblico dovrebbero perciò accogliere con
cautela i risultati.
Nel suo articolo, Ioannidis non dimostra che un
particolare studio è errato. Illustra invece statisticamente come i
molti ostacoli al raggiungimento di un risultato corretto si combinano
per rendere errate le conclusioni della maggior parte degli studi.
Tradizionalmente un lavoro è considerato “statisticamente
significativo” se le probabilità che il risultato sia puramente casuale
sono una contro venti.
Ma in un campo complicato dove ci sono molte potenziali ipotesi da
verificare - per esempio se un particolare gene influenza una
particolare malattia - è facile raggiungere false conclusioni usando
questo standard: se si mettono alla prova venti ipotesi false, per
esempio, è possibile che in media una di esse risulti vera.
Solomon Snyder, senior editor della rivista
“Proceedings of the National Academy of Sciences” e neuroscienziato
dalla Johns Hopkins University di Baltimora, sostiene però che la
maggior parte degli scienziati è ben conscia delle limitazioni delle ricerche pubblicate. “Quando sfoglio la letteratura, - commenta - non la leggo per trovare prove come in un libro di testo. La leggo per trovare idee. Anche se in uno studio ci sono dei
problemi, dunque, se ospita il nucleo di una nuova idea è il
benvenuto.”
avatar
Ken-Scienza
Scienziato
Scienziato

Numero di messaggi : 356
Punti : 38546
Reputazione : 20
Data d'iscrizione : 11.08.09

Visualizza il profilo dell'utente http://scienzaonline.forumativo.com

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum