Contatore visite
contatore visite
Statistiche
Abbiamo 68 membri registrati
L'ultimo utente registrato è ironxm

I nostri membri hanno inviato un totale di 487 messaggi in 233 argomenti
Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» Il mistero di Polybius
Lun Lug 16, 2012 1:29 pm Da Hapgood

» Alcune nozioni di chimica.
Sab Ott 29, 2011 12:22 pm Da Ken-Scienza

» Perché lo skateboard rimane attaccato quando si salta?
Mer Set 21, 2011 12:59 pm Da Ken-Scienza

» Il rimbalzo del suono.
Ven Ago 12, 2011 1:04 am Da Ken-Scienza

» L'effetto Doppler
Ven Ago 12, 2011 12:33 am Da Ken-Scienza

» Cosa sono le costellazioni?
Dom Lug 24, 2011 3:51 pm Da Ken-Scienza

» Cosa piangiamo?
Sab Lug 23, 2011 4:09 pm Da Ken-Scienza

» Cos'è un fluido non newtoniano?
Ven Lug 22, 2011 12:09 am Da Ken-Scienza

» Tecnotorri: i grattaceli del futuro
Gio Lug 07, 2011 1:27 pm Da Ken-Scienza

Mi Piace ScienzaOnline
Bookmarking sociale

Bookmarking sociale digg  Bookmarking sociale delicious  Bookmarking sociale reddit  Bookmarking sociale stumbleupon  Bookmarking sociale slashdot  Bookmarking sociale yahoo  Bookmarking sociale google  Bookmarking sociale blogmarks  Bookmarking sociale live      



Conserva e condividi l'indirizzo di sul tuo sito sociale bookmarking

Mi piace

Un buco nero sulla terra!

Andare in basso

Un buco nero sulla terra!

Messaggio Da Ken-Scienza il Gio Set 17, 2009 9:34 pm

E’ qualche giorno che su Repubblica si parla dell’inagurazione del
nuovo mega-acceleratore di particelle del CERN, detto LHC (Large Hadron
Collide) che avverà il 10 settembre, ma se ne parla per via di
un’interrogazione (preoccupata) di alcuni studiosi che affermano che
potrebbe generarsi un buco nero che nel giro di 4 anni sarebbe in grado
di inghiottire la Terra intera.


LONDRA - Per gli studiosi
che si apprestano a spingere il pulsante d’accensione, si tratta di
ricreare le condizioni che esistevano una frazione di secondo dopo il
Big Bang: ovvero di riportarci indietro nel tempo sino al momento della
creazione del nostro universo, all’inizio del mondo.



Ma per un gruppo di preoccupati
ricercatori l’esperimento che dovrebbe cominciare tra dieci giorni in
un immenso laboratorio sotterraneo, sepolto a un centinaio di metri
sotto il confine tra Francia e Svizzera, comporta il rischio della fine
del mondo, la distruzione e anzi la letterale scomparsa del nostro
pianeta. Così, all’ultimo momento, gli oppositori del progetto hanno
presentato un ricorso davanti alla Corte Europea dei Diritti Umani, che
in teoria potrebbe bloccare il più grande, ambizioso e costoso test
scientifico di tutti i tempi. [...]

Qualcuno, tuttavia, teme che
l’esperimento andrà ben oltre le aspettative, creando effettivamente un
mini buco nero, che crescerà di dimensioni e potenza fino a risucchiare
dentro di sé la terra, divorandola completamente nel giro di quattro
anni. Gli scienziati di Ginevra ribattono che non c’è assolutamente nulla da temere: ci sono scarse possibilità che l’acceleratore formi un buco nero
capace di porre una minaccia concreta al pianeta, dicono, perché la
natura produce continuamente delle collisioni di energia più alte di
quelle che saranno create artificialmente dall’acceleratore, per
esempio quando i raggi cosmici colpiscono la terra. [link all'articolo]

Questa voce è nell’aria da tempo, tanto che anche Wikipedia ne dedica dello spazio dicendo che tra i rischi indotti dall’esperimento vi è la probabilità che il CERN possa:

  • - Creare strangelet, composti fatti da quark strange, che convertono la materia ordinaria in materia strana
  • - Creare monopoli magnetici che potrebbero catalizzare il decadimento dei protoni
  • - Creare un buco nero stabile
FONTE
avatar
Ken-Scienza
Scienziato
Scienziato

Numero di messaggi : 356
Punti : 38546
Reputazione : 20
Data d'iscrizione : 11.08.09

Visualizza il profilo dell'utente http://scienzaonline.forumativo.com

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum