Contatore visite
contatore visite
Statistiche
Abbiamo 68 membri registrati
L'ultimo utente registrato è ironxm

I nostri membri hanno inviato un totale di 487 messaggi in 233 argomenti
Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» Il mistero di Polybius
Lun Lug 16, 2012 1:29 pm Da Hapgood

» Alcune nozioni di chimica.
Sab Ott 29, 2011 12:22 pm Da Ken-Scienza

» Perché lo skateboard rimane attaccato quando si salta?
Mer Set 21, 2011 12:59 pm Da Ken-Scienza

» Il rimbalzo del suono.
Ven Ago 12, 2011 1:04 am Da Ken-Scienza

» L'effetto Doppler
Ven Ago 12, 2011 12:33 am Da Ken-Scienza

» Cosa sono le costellazioni?
Dom Lug 24, 2011 3:51 pm Da Ken-Scienza

» Cosa piangiamo?
Sab Lug 23, 2011 4:09 pm Da Ken-Scienza

» Cos'è un fluido non newtoniano?
Ven Lug 22, 2011 12:09 am Da Ken-Scienza

» Tecnotorri: i grattaceli del futuro
Gio Lug 07, 2011 1:27 pm Da Ken-Scienza

Mi Piace ScienzaOnline
Bookmarking sociale

Bookmarking sociale digg  Bookmarking sociale delicious  Bookmarking sociale reddit  Bookmarking sociale stumbleupon  Bookmarking sociale slashdot  Bookmarking sociale yahoo  Bookmarking sociale google  Bookmarking sociale blogmarks  Bookmarking sociale live      



Conserva e condividi l'indirizzo di sul tuo sito sociale bookmarking

Mi piace

Buco nero mangia stella!

Andare in basso

Buco nero mangia stella!

Messaggio Da Ken-Scienza il Gio Set 17, 2009 9:50 pm


La rappresentazione di un buco nero (a destra) che attira verso di sé il materiale gassoso di una stella (a sinistra).


Per la prima volta, un osservatorio terrestre è riuscito a “vedere” la
velocissima morte di una stella attirata da un buco nero. È accaduto
nell'osservatorio Chandra, che osserva i raggi X presenti
dell'universo, una tecnologia per cui il fisico italo-americano
Riccardo Giacconi è stato premiato quest'anno con il Nobel. I buchi
neri non possono essere osservati direttamente, ma si possono vedere i
getti di materia emessi (in direzioni opposte) quando una stella viene
risucchiata all'interno di questi grandi aspirapolvere cosmici; una
specie di grido di dolore della stella morente. Ebbene, Chandra ha
osservato proprio la nascita e la progressiva scomparsa di questi
pennacchi che provenivano da una stella catturata da un buco nero di
dimensioni relativamente piccole.
Nata nel 1988, questa coppia buco
nero-stella (chiamato microquasar per la somiglianza con le
potentissime sorgenti radio quasi stellari distanti miliardi di anni
luce da noi) ha iniziato a emettere getti di materia nello spazio. Nel
giro di due anni, uno dei due getti ha cominciato a morire, ed è ora
scomparso. L'altro getto è diventato più caldo, ed è seguito da una
coda di materiale spaziale. Un'occasione unica per studiare l'energia
di questi “pennacchi cosmici”.
avatar
Ken-Scienza
Scienziato
Scienziato

Numero di messaggi : 356
Punti : 38546
Reputazione : 20
Data d'iscrizione : 11.08.09

Visualizza il profilo dell'utente http://scienzaonline.forumativo.com

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum