Contatore visite
contatore visite
Statistiche
Abbiamo 68 membri registrati
L'ultimo utente registrato è ironxm

I nostri membri hanno inviato un totale di 487 messaggi in 233 argomenti
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» Il mistero di Polybius
Lun Lug 16, 2012 1:29 pm Da Hapgood

» Alcune nozioni di chimica.
Sab Ott 29, 2011 12:22 pm Da Ken-Scienza

» Perché lo skateboard rimane attaccato quando si salta?
Mer Set 21, 2011 12:59 pm Da Ken-Scienza

» Il rimbalzo del suono.
Ven Ago 12, 2011 1:04 am Da Ken-Scienza

» L'effetto Doppler
Ven Ago 12, 2011 12:33 am Da Ken-Scienza

» Cosa sono le costellazioni?
Dom Lug 24, 2011 3:51 pm Da Ken-Scienza

» Cosa piangiamo?
Sab Lug 23, 2011 4:09 pm Da Ken-Scienza

» Cos'è un fluido non newtoniano?
Ven Lug 22, 2011 12:09 am Da Ken-Scienza

» Tecnotorri: i grattaceli del futuro
Gio Lug 07, 2011 1:27 pm Da Ken-Scienza

Mi Piace ScienzaOnline
Bookmarking sociale

Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  



Conserva e condividi l'indirizzo di sul tuo sito sociale bookmarking

Mi piace

LHCb experiment

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

LHCb experiment

Messaggio Da Hapgood il Sab Gen 22, 2011 5:36 pm



LHCb è un esperimento specializzato nella fisica del quark b (quark beauty, ma non significa che son belli), con lo scopo di misurare i parametri della violazione CP e decadimenti e fenomeni rari nella fisica degli adroni (un adrone è una particella subatomica soggetta alla forza nucleare forte ed è a sua volta composta da fermioni come quark e antiquark, e bosoni come i gluoni) dotati di b.

L'esperimento LHCb studierà le collisioni di protoni prodotte dall'acceleratore LHC ad un'energia di 14 TeV (Teraelettronvolt: Il TeV è un multiplo dell'elettronvolt ed equivale a 1.000 miliardi di eV) . In queste condizioni la sezione d'urto per la produzione di coppie di quark è prevista essere, seppur con grande incertezza, di circa 500 μb. Presso LHCb la luminosità dei due fasci di protoni sarà di 2 x 1032 cm-2 s-1: essa è inferiore a quella nominale di LHC per poter avere prevalentemente una sola interazione protone-protone per evento, rendendo così gli eventi più facilmente analizzabili, minore l'occupanza del rivelatore e diminuendo così anche i danni da radiazione. In queste condizioni verranno prodotte circa 1012 coppie di per anno.
Il rivelatore dell'esperimento LHCb è uno spettrometro a singolo braccio posto in avanti rispetto alla zona di interazione con una copertura angolare da 10 mrad ( il mrad è un'unità di misura della dose di radiazione assorbita) a 300 (250) mrad nel piano orizzontale (verticale). Questa scelta è stata effettuata perché gli adroni con b e con anti-b, alle energie suddette, vengono prodotti principalmente nella stessa regione in avanti o indietro rispetto alla zona di interazione. La regione simmetrica rispetto all'esperimento LHCb, indietro rispetto al punto di interazione, non è stata sfruttata per mancanza di spazio: la collaborazione decise infatti, anche per ragioni economiche, di non allargare la galleria preesistente, già occupata dall'esperimento DELPHI, presso il precedente acceleratore LEP.

Nota: questo argomento l'ho copiato da wiki e l'ho postato per completare il topic riguardo all'LHC ma non conoscendolo molto bene, e non avendo capito un emerito di quello appena detto, chiedo spiegazioni agli utenti del forum cosi da completare questa sezione e aver capito qualcosa in più di questa monumentale opera che è l'LHC.
Grazie in anticipo!
avatar
Hapgood
Scienziato
Scienziato

Numero di messaggi : 143
Punti : 25551
Reputazione : 6
Data d'iscrizione : 27.12.10
Età : 24
Località : Poggio Nativo (RI)

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: LHCb experiment

Messaggio Da Ken-Scienza il Sab Gen 22, 2011 8:46 pm

Solitamente Wikipedia fa uso di termini "complessi" e dà per scontato che gli utenti che stanno leggendo l'articolo, siano a conoscenza della maggior parte dei termini usati in fisica o dei nomi delle particelle subatomiche. Ho modificato il topic aggiungendo la definizione ad alcune parole raramente utilizzate nel linguaggio comune degli appasionati di scienza.
avatar
Ken-Scienza
Scienziato
Scienziato

Numero di messaggi : 356
Punti : 36436
Reputazione : 20
Data d'iscrizione : 11.08.09

Vedi il profilo dell'utente http://scienzaonline.forumativo.com

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum