Contatore visite
contatore visite
Statistiche
Abbiamo 68 membri registrati
L'ultimo utente registrato è ironxm

I nostri membri hanno inviato un totale di 487 messaggi in 233 argomenti
Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» Il mistero di Polybius
Lun Lug 16, 2012 1:29 pm Da Hapgood

» Alcune nozioni di chimica.
Sab Ott 29, 2011 12:22 pm Da Ken-Scienza

» Perché lo skateboard rimane attaccato quando si salta?
Mer Set 21, 2011 12:59 pm Da Ken-Scienza

» Il rimbalzo del suono.
Ven Ago 12, 2011 1:04 am Da Ken-Scienza

» L'effetto Doppler
Ven Ago 12, 2011 12:33 am Da Ken-Scienza

» Cosa sono le costellazioni?
Dom Lug 24, 2011 3:51 pm Da Ken-Scienza

» Cosa piangiamo?
Sab Lug 23, 2011 4:09 pm Da Ken-Scienza

» Cos'è un fluido non newtoniano?
Ven Lug 22, 2011 12:09 am Da Ken-Scienza

» Tecnotorri: i grattaceli del futuro
Gio Lug 07, 2011 1:27 pm Da Ken-Scienza

Mi Piace ScienzaOnline
Bookmarking sociale

Bookmarking sociale digg  Bookmarking sociale delicious  Bookmarking sociale reddit  Bookmarking sociale stumbleupon  Bookmarking sociale slashdot  Bookmarking sociale yahoo  Bookmarking sociale google  Bookmarking sociale blogmarks  Bookmarking sociale live      



Conserva e condividi l'indirizzo di sul tuo sito sociale bookmarking

Mi piace

Forza di attrito

Andare in basso

Forza di attrito

Messaggio Da Ken-Scienza il Ven Gen 28, 2011 5:34 pm



Le forze di attrito sono forze che si oppongono al movimento dei corpi. Una palla lanciata sopra un pavimento a un certo punto si ferma perché il suo moto è ostacolato dall'attrito che si genera nel conttatto con il pavimento. Similmente, una bicicletta si ferma se vengono azionati i freni e le oscillazioni di un pendolo diminuiscono progressivamente di ampiezza, fino a smorzarsi del tutto a causa della resistenza dell'aria. D'altra parte l'attrito fornisce le condizioni indispensabili per produrre certi movimenti, come camminare o far partire un auto. Normalmente l'attrito è tanto più forte quanto più le superfici dei corpi presentano asperità. Ma se le superfici sono chimicamente ufuali e perfettamente levigate è comunque molto difficile farle scorrere l'una sull'altra. Questo dipende dal fatto che gli atomi delle due superfici a contatto sono tutti della stessa specie e, per così dire, si dimenticano a quale superficie appartengono. In tal modo, fra gli atomi superficiali possono originarsi le stesse forze di coesione che tengono unita la materia che costituisce i due corpi.

Quando un corpo è fermo sopra la superficie orizzontale, sappiamo che su di esso la superficie esercita, in direzione perpendicolare, una reazione vincolare che bilancia la forza peso. Se il corpo comincia ad essere spinto o tirato in orizzontale, la superficie sviluppa una reazione anche in direzione parallela, che si oppone allo spostamento del corpo. Tale reazione è detta forza di attrito statico.

La forza di attrito dinamico si presenta quando il corpo si muove strisciando sulla superficie, la forza di attrito è parallela alla superfricie ed ha verso opposto a quello del moto. Si trova sperimentalmente che la sua intensità è direttamente proporzionale all'intensità della forza che preme il corpo contro la superficie, che a sua volta coincide con l'intensità della reazione normale della superficie.
avatar
Ken-Scienza
Scienziato
Scienziato

Numero di messaggi : 356
Punti : 37936
Reputazione : 20
Data d'iscrizione : 11.08.09

Visualizza il profilo dell'utente http://scienzaonline.forumativo.com

Tornare in alto Andare in basso

Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum