Contatore visite
contatore visite
Statistiche
Abbiamo 68 membri registrati
L'ultimo utente registrato è ironxm

I nostri membri hanno inviato un totale di 487 messaggi in 233 argomenti
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» Il mistero di Polybius
Lun Lug 16, 2012 1:29 pm Da Hapgood

» Alcune nozioni di chimica.
Sab Ott 29, 2011 12:22 pm Da Ken-Scienza

» Perché lo skateboard rimane attaccato quando si salta?
Mer Set 21, 2011 12:59 pm Da Ken-Scienza

» Il rimbalzo del suono.
Ven Ago 12, 2011 1:04 am Da Ken-Scienza

» L'effetto Doppler
Ven Ago 12, 2011 12:33 am Da Ken-Scienza

» Cosa sono le costellazioni?
Dom Lug 24, 2011 3:51 pm Da Ken-Scienza

» Cosa piangiamo?
Sab Lug 23, 2011 4:09 pm Da Ken-Scienza

» Cos'è un fluido non newtoniano?
Ven Lug 22, 2011 12:09 am Da Ken-Scienza

» Tecnotorri: i grattaceli del futuro
Gio Lug 07, 2011 1:27 pm Da Ken-Scienza

Mi Piace ScienzaOnline
Bookmarking sociale

Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  



Conserva e condividi l'indirizzo di sul tuo sito sociale bookmarking

Mi piace

Il sistema muscolare

 :: Biologia :: Medicina :: Anatomia

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Il sistema muscolare

Messaggio Da Ken-Scienza il Lun Feb 21, 2011 3:28 pm


Metà del nostro peso corporeo è dato dai muscoli. I muscoli sono quelle parti del corpo che permettono il movimento. I muscoli sono fatti di un tessuto che può contrarsi e accorciarsi quando ne riceve il comando dal cervello. I muscoli sono attaccati alle ossa grazie a dei “fili” elastici chiamati tendini. Quando un muscolo si contrae, il tendine fa muovere l’osso cui è legato. Si suddivide in:

- tessuto muscolare striato, costituito da fibrocellule molto allungate, provviste di più nuclei e formate da filamenti, le miofibrille, striati trasversalmente per la presenza di mio filamenti di actina e di miosina disposti parallelamente.

- tessuto muscolare liscio, costituito da fibrocellule di dimensioni ridotte e con un solo nucleo.

I muscoli formati da tessuto osseo liscio sono detti muscoli lisci e sono involontari; i muscoli formati da tessuto striato sono detti muscoli striati e sono detti volontari.

Fa eccezione il muscolo cardiaco, che è un muscolo striato ma involontario.

I muscoli striati si dividono in pellicciai, inseriti sulla pelle, e scheletrici, collegati alle ossa per mezzo di tendini. I muscoli striati si contraggono in risposta agli impulsi nervosi trasmessi dalle fibre nervose, che sono collegate ai muscoli attraverso le placche motrici.

I muscoli sono circa seicento e, a seconda della loro specifica funzione, si distinguono in flessori, estensori, adduttori, abduttori e rotatori.

Il sistema muscolare, oltre a permettere il movimento del corpo e il funzionamento degli organi interni, compie le funzioni di sostegno e protezione dello scheletro e contribuisce a mantenere la temperatura corporea.

Nel nostro corpo ci sono più di 640 muscoli. I muscoli possono accorciarsi e tirare un osso, non possono però spingere un osso. Per questo motivo spesso i muscoli sono organizzati a coppie opposte: quando un muscolo di una coppia si contrae, l’altro muscolo si rilassa e viceversa.

I muscoli possono essere volontari o involontari.

I muscoli volontari, come quelli delle gambe e delle braccia, sono controllati dal nostro pensiero e dal nostro cervello: muoviamo questi muscoli ogni volta che vogliamo muoverli. Basta pensare di muovere il braccio e subito il cervello dà il comando ai nostri muscoli.

I muscoli involontari, come il cuore o l’intestino, sono invece controllati automaticamente dal cervello, così che non dobbiamo pensare per muoverli! Ad esempio, il nostro cuore batte 60-80 volte al minuto, ma non è necessario che glielo comandiamo!



TIPI DI MUSCOLI

I muscoli sono circa 600 e complessivamente costituiscono quasi la metà del peso corporeo; essi possono essere di forme diverse: lunghi, fusiformi, corti, piatti, anulari e triangolari. In base al tipo di movimento che consentono, si distinguono in:
- flessori, se determinano il piegamento di un osso rispetto a un altro, come ad esempio il bicipite, che fa flettere l' avambraccio sul braccio, e il sartorio , che fa flettere la gamba sulla coscia;
- estensori, se determinano l' estensione di un osso rispetto ad un altro, come ad esempio il tricipite e il quadricipite;
- adduttori, se permettono l'avvicinamento delle ossa alle quali sono collegati alla linea mediana del corpo, come ad esempio il trapezio e i pettorali che avvicinano il braccio al corpo.
- abduttori, se al contrario permettono l' allontanamento delle ossa dal corpo, come ad esempio il deltoide che fa sollevare il braccio;
- rotatori, se determinano la rotazione di un osso lungo il suo asse, come ad esempio il deltoide e i dorsali.

Se rifletti sul meccanismo di flessione dell' avambraccio sul braccio, puoi notare che esso si realizza grazie alla contrazione di un muscolo, il bicipite, e al contemporaneo rilassamento di un altro muscolo il tricipite. Viceversa, se consideri l' estensione, si ha la contrazione del tricipite e l' estensione del bicipite.
I muscoli che, come il bicipite e il tricipite, compiono azioni opposte e contemporanee di contrazione e rilassamento si dicono muscoli antagonisti.



Come funzionano?

Il tessuto muscolare, sia striato sia liscio, presenta due caratteristiche fondamentali:

-L'ECCITABILITA'
-CONTRATTILITA'


Il tessuto muscolare, sia striato sia liscio, presenta due caratteristiche fondamentali: l' eccitabilità e la contrattilità. I muscoli sono sensibili a stimoli di qualsiasi natura ( elettrica, chimica, fisica, termica ) e rispondono a questi stimoli contraendosi, cioè accorciandosi, per poi ritornare, una volta cessato lo stimolo, allo stato iniziale.
I muscoli vengono suddivisi in muscoli lisci, formati da tessuto muscolare liscio, e muscoli striati, formati da tessuto muscolare striato.
I muscoli lisci sono detti anche involontari, perché si contraggono indipendentemente dalla nostra volontà; e si determinano in movimento degli organi interni, permettendo funzioni fondamentali quali la digestione, la respirazione e la circolazione.
I muscoli striati sono detti anche volontari, perché si contraggono sotto il controllo della nostra volontà, producendo il movimento delle ossa o della pelle.
I muscoli striati si dividono in muscoli cutanei, o pelliccia, e muscoli scheletrici.
I muscoli pelliccia sono inseriti direttamente sulla pelle, come ad esempio quelli del viso, che sono responsabili delle nostre diverse espressioni.
I muscoli scheletrici sono generalmente fusiformi e collegati alle ossa attraverso cordoni fibrosi detti tendini.
Questi muscoli si contraggono in risposta a impulsi trasmessi dalle fibre nervose, che sono collegate alle fibre muscolari attraverso le placche motrici.
Un caso particolare è il muscolo cardiaco che, pur essendo formato da tessuto muscolare striato, è un muscolo involontario.
Il meccanismo di funzionamento dei muscoli scheletrici è basato sullo scivolamento dei miofilamenti di actina sui miofilamenti di miosina. A causa di questo scivolamento le miofibrille si accorciano e il muscolo si contrae.

avatar
Ken-Scienza
Scienziato
Scienziato

Numero di messaggi : 356
Punti : 36086
Reputazione : 20
Data d'iscrizione : 11.08.09

Vedi il profilo dell'utente http://scienzaonline.forumativo.com

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 :: Biologia :: Medicina :: Anatomia

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum