Contatore visite
contatore visite
Statistiche
Abbiamo 68 membri registrati
L'ultimo utente registrato è ironxm

I nostri membri hanno inviato un totale di 487 messaggi in 233 argomenti
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» Il mistero di Polybius
Lun Lug 16, 2012 1:29 pm Da Hapgood

» Alcune nozioni di chimica.
Sab Ott 29, 2011 12:22 pm Da Ken-Scienza

» Perché lo skateboard rimane attaccato quando si salta?
Mer Set 21, 2011 12:59 pm Da Ken-Scienza

» Il rimbalzo del suono.
Ven Ago 12, 2011 1:04 am Da Ken-Scienza

» L'effetto Doppler
Ven Ago 12, 2011 12:33 am Da Ken-Scienza

» Cosa sono le costellazioni?
Dom Lug 24, 2011 3:51 pm Da Ken-Scienza

» Cosa piangiamo?
Sab Lug 23, 2011 4:09 pm Da Ken-Scienza

» Cos'è un fluido non newtoniano?
Ven Lug 22, 2011 12:09 am Da Ken-Scienza

» Tecnotorri: i grattaceli del futuro
Gio Lug 07, 2011 1:27 pm Da Ken-Scienza

Mi Piace ScienzaOnline
Bookmarking sociale

Bookmarking sociale digg  Bookmarking sociale delicious  Bookmarking sociale reddit  Bookmarking sociale stumbleupon  Bookmarking sociale slashdot  Bookmarking sociale yahoo  Bookmarking sociale google  Bookmarking sociale blogmarks  Bookmarking sociale live      



Conserva e condividi l'indirizzo di sul tuo sito sociale bookmarking

Mi piace

Il fastidioso singhiozzo.

 :: Biologia :: Medicina :: Anatomia

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Il fastidioso singhiozzo.

Messaggio Da Ken-Scienza il Sab Apr 16, 2011 1:54 pm

Il singhiozzo non è altro che una contrazione rapida ed involontaria del diaframma, accompagnata dalla chiusura della glottide e seguita da un brusco respiro. Quando respiriamo il diaframma si contrae; i nervi frenici, che controllano le sue contrazioni, hanno origine dal cervello e compiono un percorso molto lungo, passando per il diaframma, il mediastino, il fegato, la zona di congiunzione tra stomaco ed esofago, una parte dello stomaco stesso e dei reni.Basta che il nervo frenico si irriti anche in un solo punto di questo percorso per provocare il singhiozzo. Il suono tipico che accompagna questa condizione è dovuto alla chiusura improvvisa della glottide, la valvola che separa l'apparato respiratorio dall'apparato digerente. Il singhiozzo implica un coinvolgimento non solo del nervo frenico, direttamente interessato nelle contrazioni diaframmatiche, ma anche dell'ipotalamo, una parte del cervello che non è controllata dalla volontà, e dei centri che presiedono alla respirazione.

Le cause
Spesso il motivo scatenante il singhiozzo non si conosce, ma si è visto che alcune situazioni tipiche della vita quotidiana, lo possono causare facilmente:

Dilatazione dello stomaco, determinata dalla rapida o eccessiva ingestione di cibo e liquidi;
Bruschi sbalzi di temperatura, come passare dal caldo al freddo oppure bere una bevanda bollente o gelata;
Eccessiva ingestione di bevande alcoliche, che può danneggiare la mucosa gastrica (il tessuto di rivestimento dello stomaco) provocandone l'infiammazione e indirettamente irritare il diaframma
Episodi di emotività: quando ci si trova in una condizione di forte disagio, si ingoia una quantità di aria superiore al normale; ciò provoca come diretta conseguenza l'irritazione del diaframma e quindi la comparsa del singhiozzo.

La cura: Già 2000 anni fa, il medico greco Ippocrate consigliava quello che tuttora rimane il metodo più usato ed efficace: trattenere il fiato e restare in apnea per 10-15 secondi. Questa manovra è utile perché induce il diaframma a rilassarsi e deve essere preceduta da una inspirazione profonda.
avatar
Ken-Scienza
Scienziato
Scienziato

Numero di messaggi : 356
Punti : 36656
Reputazione : 20
Data d'iscrizione : 11.08.09

Vedi il profilo dell'utente http://scienzaonline.forumativo.com

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 :: Biologia :: Medicina :: Anatomia

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum