Contatore visite
contatore visite
Statistiche
Abbiamo 68 membri registrati
L'ultimo utente registrato è ironxm

I nostri membri hanno inviato un totale di 487 messaggi in 233 argomenti
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» Il mistero di Polybius
Lun Lug 16, 2012 1:29 pm Da Hapgood

» Alcune nozioni di chimica.
Sab Ott 29, 2011 12:22 pm Da Ken-Scienza

» Perché lo skateboard rimane attaccato quando si salta?
Mer Set 21, 2011 12:59 pm Da Ken-Scienza

» Il rimbalzo del suono.
Ven Ago 12, 2011 1:04 am Da Ken-Scienza

» L'effetto Doppler
Ven Ago 12, 2011 12:33 am Da Ken-Scienza

» Cosa sono le costellazioni?
Dom Lug 24, 2011 3:51 pm Da Ken-Scienza

» Cosa piangiamo?
Sab Lug 23, 2011 4:09 pm Da Ken-Scienza

» Cos'è un fluido non newtoniano?
Ven Lug 22, 2011 12:09 am Da Ken-Scienza

» Tecnotorri: i grattaceli del futuro
Gio Lug 07, 2011 1:27 pm Da Ken-Scienza

Mi Piace ScienzaOnline
Bookmarking sociale

Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  



Conserva e condividi l'indirizzo di sul tuo sito sociale bookmarking

Mi piace

L'effetto Doppler

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

L'effetto Doppler

Messaggio Da Ken-Scienza il Ven Ago 12, 2011 12:33 am

Quando un sorgente luminosa è in movimento, e la si osserva con uno spettrometro, vedremo che le righe che ne compongono lo spettro saranno spostate rispetto allo spettro che si osserverebbe se la sorgente fosse quiete. Ciò significa che se una sorgente è in movimento la sua lunghezza d'onda varia rispetto a quando è in uno stato di quiete. Ciò vale per i fenomeni con moto ondulatorio (come il suono o la luce). Ad esempio se ci si avvicina man mano alla sorgente le righe saranno spostate verso il blu (blueshift), indicando che la lunghezza d'onda è diminuita; mentre se la sorgente si sta allontanando, le righe spostate verso il rosso (redshift) indicano che la lunghezza d'onde è aumentata.

Poiché l'entità dello spostamento dipende dalla velocità della sorgente, misurandolo è possibile calcolare la velocità della sorgente rispetto all'osservatore. Il fatto che il colore della luce possa cambiare con la velocità relativa della sorgente non deve stupire: nessuno si stupisce quando sente che il suono - ad esempio di una sirena - cambia quando la sorgente si avvicina rapidamente o rapidamente si allontana. Quando la sirena è in avvicinamento, infatti, le onde sonore sono compresse, la loro lunghezza d'onda diminuisce e il tono che udiamo è più acuto del normale. Viceversa, quando si allontana, le onde sono distanziate, la lunghezza d'onda aumenta e il tono diventa più basso. Anche in questo caso l'entità della variazione di frequenza dipende dalla velocità della sorgente rispetto all'ascoltatore. Questa relazione fra lunghezza d'onda e velocità della sorgente fu scoperta inizialmente dal fisico austriaco Christian Doppler studiando il suono; pochi anni più tardi e in modo del tutto indipendente Fizeau trovò la stessa relazione per la luce. Per questo motivo, questo effetto della velocità sulle onde può essere chiamato semplicemente effetto Doppler, anche se può capitare di trovare l'espressione efetto Doppler-Fizeau in ambito luminoso.
avatar
Ken-Scienza
Scienziato
Scienziato

Numero di messaggi : 356
Punti : 35816
Reputazione : 20
Data d'iscrizione : 11.08.09

Vedi il profilo dell'utente http://scienzaonline.forumativo.com

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum