Contatore visite
contatore visite
Statistiche
Abbiamo 68 membri registrati
L'ultimo utente registrato è ironxm

I nostri membri hanno inviato un totale di 487 messaggi in 233 argomenti
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» Il mistero di Polybius
Lun Lug 16, 2012 1:29 pm Da Hapgood

» Alcune nozioni di chimica.
Sab Ott 29, 2011 12:22 pm Da Ken-Scienza

» Perché lo skateboard rimane attaccato quando si salta?
Mer Set 21, 2011 12:59 pm Da Ken-Scienza

» Il rimbalzo del suono.
Ven Ago 12, 2011 1:04 am Da Ken-Scienza

» L'effetto Doppler
Ven Ago 12, 2011 12:33 am Da Ken-Scienza

» Cosa sono le costellazioni?
Dom Lug 24, 2011 3:51 pm Da Ken-Scienza

» Cosa piangiamo?
Sab Lug 23, 2011 4:09 pm Da Ken-Scienza

» Cos'è un fluido non newtoniano?
Ven Lug 22, 2011 12:09 am Da Ken-Scienza

» Tecnotorri: i grattaceli del futuro
Gio Lug 07, 2011 1:27 pm Da Ken-Scienza

Mi Piace ScienzaOnline
Bookmarking sociale

Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  



Conserva e condividi l'indirizzo di sul tuo sito sociale bookmarking

Mi piace

Il rimbalzo del suono.

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Il rimbalzo del suono.

Messaggio Da Ken-Scienza il Ven Ago 12, 2011 1:04 am

La qualità del suono che si diffonde in una stanza on in qualsiasi altro ambiente dipende da diversi fattori, uno di questi è la geometria dell'ambiente stesso e la presenza al suo interno di eventuali ostacoli alla propagazione delle onde sonore: esse possono rimbalzare sugli oggetti (essere riflesse, diffuse, rifratte, diffratte) o essere assorbite, proprio come accade alla luce.



Riflessione: la riflessione avviene quando un'onda rimbalza su un ostacolo e torna indietro; un esempio è l'eco: il suono che emettiamo rimbalza sul muro o sul monte che abbiamo di fronte, e torna alle nostre orecchie, che lo percepiscono come se fosse stato prodotto da un'altra sorgente.


Diffusione: Avviene quando l'onda incide su una superficie non piana né levigata e non viene neppure riflessa in una precisa direzione, ma dispersa un po' in tutte le direzioni. È ciò che accade in uno stanzone vuoto, dove non si sente l'eco ma un rimbombo confuso della nostra voce.



Rifrazione: accade quando un'onda passa da un mezzo di propagazione a un altro (per esempio dall'aria all'acqua). Questo accade quando siamo al mare o in piscina, e qualcuno ci parla mentre abbiamo le orecchie in acqua. L'unica cosa che possiamo constatare è che sentiamo meno, ma l'onda sonora ha cambiato anche - se pur leggermente - direzione di trasmissione.


Assorbimento: avviene quando l'ostacolo assorbe parte o tutta l'energia che essa trasporta (come per i vetri insonorizzati).

Infine, se non si hanno ostacoli fra noi e le sorgenti del suono, a influenzare le onde sonore sono le riflessioni successive all'emissione, note come riverberi, caratterizzati da un'intensità dell'onda riflessa (dipesa da quanta parte dell'onda viene assorbita dall'ostacolo), e dai tempi di ritorno o tempi di riverberazione (che misurano il ritardo, rispetto al suono diretto, con cui l'onda riflessa arriva al nostro orecchio. Quest'ultima grandezza dipende dalla velocità del suono nell'aria, che a sua volta dipende dalla temperatura dell'aria stessa.
avatar
Ken-Scienza
Scienziato
Scienziato

Numero di messaggi : 356
Punti : 36436
Reputazione : 20
Data d'iscrizione : 11.08.09

Vedi il profilo dell'utente http://scienzaonline.forumativo.com

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum